Cerca

Facebook

Il parroco e la parrocchia su Facebook

FacebookRSS Feed
Horloge pour site Orologio per sito

Invito alla lettura

 

Papa Francesco

Umiltà: la strada verso Dio  

 

 Credeva di non credere

di Crispino Valenziano 

 

Il cardinale di Polizzi

Mariano Rampolla del Tindaro

Sulle sue orme da Polizzi Generosa a Roma...

a cura di Clara Aiosa

Il disegno di Papa Francesco

di Antonio Spadaro

 Il cammino le scelte e la tenerezza

di papa Francesco in 80 racconti

 

 

Cerca un Sito Cattolico

 

Link utili

Liturgia delle ore

Pregare con i Salmi

SAN GANDOLFO

Protettore di Polizzi Generosa

Librerie teologiche

 

 

Il sito della diocesi

A 50 anni dal Concilio

 

 

 Omelia di S. Marta - Opporre resistenza allo Spirito Santo - 16 aprile 2013

 

"Lo Spirito Santo spinge le persone e la Chiesa stessa ad andare avanti ma noi opponiamo resistenza e non vogliamo cambiare…Oggi è il compleanno di Benedetto XVI, compie 86 anni….Offriamo la Messa per lui, perché il Signore sia con lui, lo conforti e gli dia molta consolazione.
Santo Stefano prima di essere lapidato annuncia la Risurrezione di Cristo risorto, ammonendo i presenti con parole forti: “Testardi! Voi opponete sempre resistenza allo Spirito Santo”.
Stefano ricorda quanti hanno perseguitato i profeti e dopo averli uccisi gli hanno costruito “una bella tomba” e solo dopo li hanno venerati. Anche Gesù rimprovera i discepoli di Emmaus: Stolti e lenti di cuore, a credere a tutto quello che hanno annunciato i profeti! Sempre, anche tra noi c’è quella resistenza allo Spirito Santo.
Per dirlo chiaramente: lo Spirito Santo ci dà fastidio. Perché ci muove, ci fa camminare, spinge la Chiesa ad andare avanti. E noi siamo come Pietro nella Trasfigurazione: ‘Ah, che bello stare così, tutti insieme!’ … ma che non ci dia fastidio. Vogliamo che lo Spirito Santo si assopisca … vogliamo addomesticare lo Spirito Santo. E quello non va. Perché Lui è Dio e Lui è quel vento che va e viene e tu non sai da dove. E’ la forza di Dio, è quello che ci dà la consolazione e la forza per andare avanti. Ma: andare avanti! E questo da fastidio. La comodità è più bella.
Oggi sembra che “siamo tutti contenti” per la presenza dello Spirito Santo, ma “non è vero. Questa tentazione ancora è di oggi. Un solo esempio: pensiamo al Concilio.
Il Concilio è stato un’opera bella dello Spirito Santo. Pensate a Papa Giovanni: sembrava un parroco buono e lui è stato obbediente allo Spirito Santo e ha fatto quello. Ma dopo 50 anni, abbiamo fatto tutto quello che ci ha detto lo Spirito Santo nel Concilio? In quella continuità della crescita della Chiesa che è stato il Concilio? No. Festeggiamo questo anniversario, facciamo un monumento, ma che non dia fastidio. Non vogliamo cambiare. Di più: ci sono voci che vogliono andare indietro. Questo si chiama essere testardi, questo si chiama voler addomesticare lo Spirito Santo, questo si chiama diventare stolti e lenti di cuore.
Succede lo stesso anche nella nostra vita personale: infatti, lo Spirito ci spinge a prendere una strada più evangelica, ma noi resistiamo.
Non bisogna opporre resistenza allo Spirito Santo. E’ lo Spirito che ci fa liberi, con quella libertà di Gesù, con quella libertà dei figli di Dio!
Non opporre resistenza allo Spirito Santo: è questa la grazia che io vorrei che tutti noi chiedessimo al Signore: la docilità allo Spirito Santo, a quello Spirito che viene da noi e ci fa andare avanti nella strada della santità, quella santità tanto bella della Chiesa. La grazia della docilità allo Spirito Santo. Così sia”.

avvisi

SINODO GIOVANI 2018

Il documento preparatorio

                                                    Lettera del papa ai giovani

                                                     Perché il Sinodo sui giovani

                                                                              Da Cracovia a Panama... e in mezzo il Sinodo

Visite artistiche virtuali

Laudato si

494360
Today
Yesterday
This Week
Last Week
This Month
Last Month
All days
321
561
1706
490582
4718
9234
494360

Your IP: 54.82.93.116
Server Time: 2018-11-15 20:51:04

UOMINI E PROFETI

PENSIERO DEL GIORNO

« Signore. manca la cosa essenziale. A parole dico che mi affido a te; ma le mie azioni dimostrano che colui nel quale confido sono io stesso e che ho ancora paura di Te. Prendi finalmente la mia vita nelle Tue mani, e fa' di me tutto quello che vuoi. Mi dono al Tuo amore, e intendo perseverare in questa offerta. senza respingere né le cose dure né quelle piacevoli che Tu hai preparate per me. A me basta che Tu sia glori­ficato. Tutto quello che hai disposto è bene. Tutto è amore. La via che hai aperto dinanzi a me è facile, in con­fronto con la via dura della mia volontà che conduce indietro... Se Tu permetterai che la gente mi lodi, non mi preoccuperò. Se tu farai sì che mi biasimino, me ne preoccuperò ancor meno, anzi ne sarò felice. Se Tu mi manderai lavoro, lo abbraccerò con gioia, ed esso sarà riposo per me, perché è la Tua volontà. E se mi manderai riposo, riposerò in Te.  Solo salvami da me stesso. Salvami dal mio intimo, venefico impulso di mutare ogni cosa, di agire senza ragione, di muovermi per amore del movimento, di mettere sossopra tutto ciò che hai ordinato. Che io riposi nella Tua volontà e rimanga in silenzio. Allora la luce della Tua gioia riscalderà la mia vita. Il suo fuoco arderà nel mio cuore e brillerà per la Tua gloria. Per questo vivo. Amen. Amen ».

Da il segno di Giona di Thomas Merton

Emeroteca

 

 

FILMATI STORICI

concilio1

Apertura del Concilio 

Processione ingresso

inizio concilio

Leone XIII

Pio XI inaugura la 

stazione radio onde corte

Pio XII visita i sovrani

d'Italia

XXV consacrazione

episcopale di Pio XII

L'Inferno di Berardi

e Busnengo-1911

Bibbia

Evangelii gaudium

Mailing list

Media

 

UFFICI CEI

 

 

 

Orientamenti pastorali CEI

Direttorio familiare

Riviste teologiche

 

Web Catechesi

Qumram